Ciclabile Nomentana, siamo alla svolta…

Il tratto sul ponte sarà realizzato in carreggiata e non sul marciapiede.

La ciclabile nomentana è arrivata alla svolta del ponte, nei giorni scorsi è stato aperto il cantiere davanti alla caserma della Batteria Nomentana, dove la ciclabile attraversa la strada e passa dall’altro lato.

Il tratto sul ponte era inizialmente previsto sul marciapiede, ma dopo numerose proteste e risposte ambigue, possiamo ora confermare che la ciclabile nomentana attraverserà il ponte in sede propria sulla carreggiata. Non è arrivata nessuna risposta dall’Agenzia per la Mobilità, ma la recinzione del cantiere dice chiaramente cosa si andrà a fare…

Siamo quasi alla fine del lavoro ed è filato tutto liscio. Non ci sono state sommosse di popolo, la sindaca non si è dimessa, e non c’è stato neanche un ricorso al TAR.  Gli autosauri si sono limitati solo a minacce e improperi sui social.

Il Comune sta realizzando impunemente diverse ciclabili, e gli autosauri spostano le maghine. Sulla Tuscolana i contrari alla ciclabile tuscolana hanno affisso manifestini così ridicoli da fare quasi tenerezza, sulla nomentana non è successo neanche questo. Siamo veramente ad una svolta?

gfontani

 

Annunci

Sabato 22 settembre alle 18.00 incontro in bici a Piazza Alessandria

Ciclabile Nomentana.
La “breccia” ciclabile verso il centro di Roma

La prossima “Notte Bianca a Porta Pia” di sabato 22 settembre 2018. Dalle 15.00 alle 24.00.

Sarà un appuntamento particolare per tanti ciclisti e pedoni romani. Tra tanti appuntamenti ludici. Artistici . Culturali.

Alle 18.00. Ai “Mercati d’Autore”, mercato di Piazza Alessandria, si terrà un incontro pubblico.

Con cittadini, pedoni e ciclisti. Esponenti del Municipio 2. E staff di Agenzia Servizi per la Mobilità.

Per illustrare lo stato dei lavori di “Ciciabile Nomentana”.
E il suo essere “breccia” ciclabile verso il centro di Roma

Un progetto ciclo pedonale che sta creando non solo una pista ciclabile ad hoc. Ma ripristinerà anche un camminamento pedonale. Per quasi 4 km.

Un percorso attualmente impraticabile. E selvaggio. Per molti pedoni. Ed utenze deboli.

La bicicletta come protagonista, quindi. Ed una infrastruttura ad essa dedicata. Come servizio alla comunità.

Un asse pedonale e ciclabile strategico, a collegare il quartiere Montesacro al centro della città.

Da Via Valdarno a Porta Pia. Una pista ciclo pedonale tutta disposta sul lato sinistro di Via Nomentana, guardando Porta Pia. Lato Villa Torlonia, per intenderci.

La realizzazione di un itinerario pedonale e ciclabile a rappresentare una indubbia occasione per proporre interventi di valorizzazione e riqualificazione dell’intero tratto.

Non solo una infrastruttura ciclabile quindi. Ma un’opera, ciclo-pedonale, attesa da ventisette anni. Dal 1990. E, quando realizzata, al servizio di cittadini tutti.

A innescare indubbi comportamenti virtuosi. Come la messa a dimora di 54 nuove essenze arboree lungo il marciapiede interessato dal passaggio della ciclabile.

Il ripristino di marciapiedi e scivoli. Attualmente impercorribili. Illuminazione omogenea, implementata e finalmente adeguata. Recuperando l’allineamento dei pali di illuminazione.

Vari e molteplici aspetti di riqualificazione. Fino a Porta Pia.

A stimolare qui, infine, la realizzazione della “Rotonda del Bersagliere”.

Un parco a tema per fornire a Porta Pia, il ruolo storico che le compete. In luogo dell’orrendo spartitraffico che è divenuto.

E l’ascolto, in quel pomeriggio di “Notte Bianca”, di idee, proposte e progetti, per continuare da Porta Pia itinerari ciclabile verso il centro della città.

Con la realizzazione da Porta Pia di “Bike lane”, corsie ciclabili, realizzate direttamente sulla carreggiata, a sottrarre spazio alle auto. E non ai pedoni.

Verso l’Università. Il Policlinico. Il Quirinale. Piazza Fiume. Via Salaria. Muro Torto. Il museo rinnovato Macro a Via Nizza. Dal prossimo ottobre 2018 “Macro Asilo”

Porta Pia come hub ciclabile. Ma anche emotivo, E culturale

Da Ciclabile Nomentana. Un primo impulso alla trasformazione di Via Nomentana in un “boulevard” fruibile e vivibile da pedoni e biciclette.

Un futuro “landmark”, un futuro “punto di riferimento” della città di Roma. E un segnale concreto della ricerca e realizzazione di una mobilità dolce. Sostenibile. E culturale.

di Giuseppe Teano


Sulla Nomentana sono arrivati i cordoli riciclati e le buche quadrate

Sulla Nomentana si iniziano a posizionare i cordoli e si predispongono le buche quadrate per mettere a dimora i nuovi alberi. I lavori procedono, senza correre, ma procedono.

cordoli 16.06.18

Ecco i cordoli in polimero, prodotti riciclando i copertoni usati e fissati a terra senza incasso, ad opportuna distanza dagli alberi per non danneggiare le radici.

lampioni e buchi per alberi 15.06.18

Un po’ più giù, verso Viale della Regina, sono stati restaurati e spostati i lampioncini liberty, e sul nuovo asfalto sono state predisposte le buche quadrate per i nuovi platani. Buon lavoro!

guido fontani


Ma esiste o no, il mitico parcheggio sotterrano di Porta Pia? Ecco il servizio che Striscia non ha mai mandato…

Metto qui il link ad un back stage inedito, girato da me nel 2014, durante un servizio di Striscia la Notizia con il sindaco Ignazio Marino. Il servizio non andò mai in onda… ma noi scendemmo lì sotto, e abbiamo capito come stanno le cose

Intervista sotterranea al sindaco Marino del 2014

guido fontani

Divieto di accesso parcheggio


Ciclabile Nomentana, ripresi i lavori, si va avanti in velocità.

IMG_20180516_113034677

Dopo lo stop per i reperti archeologici, dichiarati di scarso interesse, il cantiere riprende in velocità. Ieri 16 maggio, c’è stato un sopralluogo della commissione lavori pubblici del Secondo Municipio, presieduta da Valentina Caracciolo, era presente per la direzione lavori l’ing.Paolo Ferlito, presenti numerosi rappresentanti delle associazioni cittadine.

Anche se non sembra, i lavori stanno procedendo secondo la tabella di marcia prevista. Il primo tratto da Porta Pia a Viale della Regina è in attesa di alcune opere di competenza acea, questo il motivo per cui non ci sta lavorando nessuno, ed agli occhi di chi passa sembra un cantiere abbandonato. Ma la ditta appaltatrice sta proseguendo oltre. Ieri c’erano una decina di operai al lavoro, ed il cantiere è arrivato al vialetto davanti a Vila Torlonia.

Riguardo al tratto davanti Villa Torlonia, la presidente del Secondo Municipio ed anche i progettisti di Agenzia per la Mobilità, si sono dati da fare per superare un assurdo vincolo della Soprintendenza che impedisce di spostare alcuni lampioncini liberty e di conseguenza costringe a far passare la ciclabile rasente il muro della villa. C’è stato un nuovo sopralluogo della Soprintendenza ed è atteso a breve il nulla osta che consentirà di spostare questi benedetti lampioncini e sistemare la pista dove deve stare, ovvero dal lato strada, lasciando il marciapiede per i pedoni a ridosso del muro perimetrale della villa.

Ovviamente però la ditta procede secondo il progetto approvato, e gli operai stanno già lavorando in quel vialetto per realizzare una pista che scorrerà rasente il muro della villa.  Salvo successive varianti, che evidentemente comporteranno un aumento di costi se bisognerà rimettere mano a lavori già realizzati.

Situazione simile al tratto sul ponte sulla tangenziale. Anche lì si è in attesa della variante che consentirà di far passare la ciclabile su strada, anziché sul marciapiede. Ma c’è qualche mese in più. Il cantiere dovrebbe arrivare in quel tratto ad ottobre prossimo, e si spera che la variante per quella data sia stata già approvata.

Per il resto i lavori procedono. Se tutto va bene, per giugno si smonterà il cantiere del primo lotto, e dovrebbero vedere la luce i primi 400 metri terminati. Da Porta Pia a Viale Regina Margherita.

IMG_20180516_110705423

guido fontani

 

 


Piccoli allargamenti del marciapiede

Il cantiere della ciclabile nomentana avanza speditamente. Al 31 gennaio, è stata liberata dalle auto in sosta tutta la fascia laterale da Porta Pia a Viale della Regina, e si stanno riposizionando i cigli del marciapiede.

 

Davanti al MIT,  il marciapiede viene leggermente allargato. Come si può comprendere dalle foto, il marciapiede passa da circa m 1,40 a m 2,10

IMG_20180130_133012963

Nel primissimo tratto, a ridosso del passo carrabile del Ministero, il marciapiede era pressoché inesistente, solo 60 cm in buona parte occupati dai paraurti delle auto.      Come si intuisce dallo scavo predisposto, il marciapiede diventerà quasi un metro. Non è granché, ma sarà fruibile, perché non  sarà più occupato dai musi sporgenti delle auto e saranno realizzate rampette al posto dei gradini.

IMG_20180130_132836817

In primo piano il modulo del cordolo di protezione della pista ciclabile.

gf

 


Cartello informativo del cantiere

IMG_20180125_133628889_HDR